Giovanni Pesce, una vita “Senza Tregua”

Formato PDF

Il 27 luglio del 2007 ci lasciava Giovanni Pesce, leggendario comandante partigiano, compagno indimenticabile. Era ancora un bambino quando la sua famiglia dovette emigrare in Francia.

A 13 anni era già al lavoro in una miniera della Grand’Combe, la zona mineraria delle Cevennes in cui vivevano i suoi. Aderì ancora ragazzino al Partito comunista e divenne anche segretario della Sezione giovanile. Fu uno dei discorsi a Parigi di Dolores Ibarruri, la “Pasionaria”, a convincerlo della necessità di arruolarsi nelle Brigate Internazionali, che nella Guerra civile spagnola sostenevano il regime democratico contro i fascisti di Franco.

Continua a leggere