L’ANPI dice no al concerto degli Hammerskin del 14 Giugno

L'ANPI dice no al concerto degli Hammerskin del 14 giugnoL’ANPI Provinciale di Milano denuncia da tempo, con crescente preoccupazione, il ripetersi di manifestazioni neofasciste in numerosi comuni della nostra Regione e nella nostra città che offendono Milano, città Medaglia d’Oro della Resistenza.

Nel 2013 si sono svolte tre iniziative neonaziste con delegazioni provenienti da diversi Paesi Europei, a Malnate in Provincia di Varese, a Milano e a Cantù.

Domenica 8 giugno 2014 ha avuto luogo a Niguarda, con il patrocinio di Provincia e Regione, il torneo calcistico “Un calcio alla pedofilia”. Ufficialmente la richiesta di sponsorizzazione era stata avanzata dall’associazione “Caramella buona”, dietro la quale, però, si nasconde Lealtà e Azione, gruppo di estrema destra che si ispira al generale nazista delle Waffen SS Leon Degrelle e a Corneliu Codreanu, fondatore della Guardia di ferro rumena, movimento antisemita e ultranazionalista degli anni trenta.
Per Sabato 14 Giugno è previsto un concerto neofascista, indetto per finanziare Alba Dorata, che si svolgerà in un Comune della nostra Regione, con delegazioni neonaziste provenienti, in particolare dall’Ungheria e dalla Francia.

Tutto ciò costituisce una inaccettabile offesa alla nostra Regione, scelta come luogo e meta di manifestazioni e convegni neofascisti e neonazisti. Notevole è stato il tributo di sangue della Regione Lombadia per la liberazione del nostro Paese dal nazifascismo. Proprio il 12 luglio prossimo ricorrerà il 70° anniversario dell’eccidio nazifascista, avvenuto al Poligono di tiro del Cibeno, nel campo di concentramento di Fossoli, di 67 patrioti e antifascisti, trentanove dei quali erano cittadini della nostra Regione.
Mentre esprimiamo la nostra ferma condanna di manifestazioni che si pongono in aperto contrasto con i principi sanciti dalla Costituzione repubblicana nata dalla Resistenza, invitiamo gli antifascisti e la cittadinanza alla massima vigilanza democratica e sottolineiamo la necessità che Istituzioni e forze preposte alla difesa dell’ordine pubblico mettano in atto tutti gli strumenti in loro possesso perchè la Carta costituzionale, le leggi Scelba e Mancino che vietano l’aperta apologia di fascismo e razzismo siano rispettate ed applicate.
Milano, 12 Giugno 2014
Roberto Cenati
Presidente ANPI Provinciale di Milano

 

Annunci