Condanna dell’ANPI dell’imbrattamento della lapide dove sorgeva l’ex Albergo Regina

Condanna dell'ANPILa lapide posta sulla facciata del luogo dove sorgeva l’Albergo Regina, sede dal 13 settembre 1943 al 30 aprile 1945, del comando nazista a Milano, è stata imbrattata.
Il gesto profondamente incivile è particolarmente grave perché avviene nell’imminenza del Giorno della Memoria, data nella quale si ricordano la Shoah, la deportazione antisemita, politica, operaia e quella dei militari italiani tradotti nei lager nazisti dopo l’8 settembre 1943.

Questo episodio si inserisce nel clima caratterizzato dal rifiorire a Milano di movimenti neofascisti che offendono la memoria di chi ha sacrificato la propria giovane vita per la libertà di tutti noi, resistendo nei lager nazisti o combattendo nel corso della lotta di Liberazione.

A settanta anni dalla liberazione di Auschwitz, di Mauthausen e dei principali lager nazisti chiediamo alle istituzioni e alle autorità pubbliche di adottare adeguati provvedimenti per impedire che a Milano, capitale della Resistenza, si ripetano episodi che si pongono in aperto contrasto con i principi della Costituzione repubblicana e con leggi Scelba e Mancino.

Mentre chiediamo alle istituzioni di ripulire la lapide posta sulla facciata dell’ex Albergo Regina, invitiamo, gli antifascisti, i democratici, i cittadini a partecipare numerosi alla manifestazione promossa dal Comitato Permanente Antifascista, dalla Comunità Ebraica di Milano e dalla Fondazione Memoria della Deportazione che si terrà Lunedì 26 Gennaio 2015 alle 9,30, in via Silvio Pellico 7, davanti alla sede dell’ex Albergo Regina.

Milano, 23 Gennaio 2015

Annunci