QUELLA LEGGE NON ERA TRUFFA – Luciano Belli Paci

Raramente una campagna politica ha avuto un successo così pieno come quella che venne condotta contro la legge elettorale n° 148 promulgata il 31.3.1953 ed applicata nelle elezioni del 3 giugno di quell’anno.

Quella legge venne definita dagli oppositori “legge truffa” e, da allora, quell’appellativo si è imposto ed è entrato nella memoria collettiva, sia per i politici di ogni orientamento, sia per gli storici, sia per la gente comune.

L’approvazione della legge elettorale del 1953 ebbe caratteristiche in effetti molto discutibili, giacché le regole elettorali vennero cambiate nell’imminenza della consultazione politica, a colpi di maggioranza e con il ricorso al voto di fiducia. Inoltre, per come era congegnata, la legge appariva scritta su misura per la coalizione centrista che governava il Paese (Dc, Psdi, Pri, Pli) e che mirava alla riconferma.

Continua a leggere

Spaghettata come a casa Cervi – 25 Luglio 2016

13781891_833737736726219_4910408131606000973_nCon la collaborazione dell’ Ass. AUSER di Canegrate
———-
aderendo all’’iniziativa promossa dall’’Istituto Alcide Cervi per ricordare la Storica Pastasciutta Antifascista di Casa Cervi del 25 luglio 1943, giorno in cui cadde il governo fascista, organizza una “SPAGHETTATA come a casa CERVI”, un’ allegra serata per condividere, oggi come ieri, la speranza e la voglia di democrazia e giustizia per la nostra nazione e gli italiani tutti.

La cena è fissata per: Lunedì 25 luglio 2016 ore 19.30 presso il Bosco delle Cascinette CANEGRATE.

AperiCena Mercoledì 20 Luglio 2016 dalle ore 19,00

I volontari milanesi che hanno contribuito alla raccolta delle firme per il referendum sono invitati a passare una serata insieme alla Casa delle Donne in Via Marsala 8, Milano.

 

NON MANCATE!

 

Saranno anche presenti:

  • Pierpaolo Pecchiari, per il coordinamento Democrazia Costituzionale milanese;
  • Roberto Cenati, Presidente ANPI Provinciale di Milano.

Staffetta per non dimenticare Milano-Brescia-Bologna

Anche quest’anno 30 luglio 0re 15,30 in piazza Fontana davanti alle targhe della strage passeranno donne e uomini liberi… correranno e ogni passo sul caldo asfalto sarà un nome sussurrato di una vittima dell’odio, troppi passi, troppe vittime, troppi nomi.
Le stragi, Milano, Brescia, Bologna… un via del “sangue” una strada dell’anima, un muoversi contro fascismo, razzismo e morte. Sentire sudore, stanchezza, dolori, ma sentirsi insieme vivi e liberi di pensare, agire, riflettere… un incontrarsi sulle strade sulle piazze, un sentire, un ascoltare, un dare e un ricevere, un ricordare, un vivere.!
Le staffette lungo il percorso cercano un sorriso, molto semplice, cerchiamole e regaliamole il nostro. Noi come ANPI ci siamo.

Ivano Tajetti – ANPI Provinciale Milano. 10 luglio 2016.

Continua a leggere