Scomparsa Gaspare Grassa

Care compagne e compagni,

abbiamo appreso con profondo dolore della scomparsa del compagno Gaspare Grassa, membro per anni del Comitato Nazionale, del Comitato Provinciale di Milano e Vicepresidente della Sezione ANPI di Sesto San Giovanni.

In questo dolorosissimo momento siamo particolarmente vicini ai familiari e ai compagni della Sezione di Sesto San Giovanni.

I funerali avranno luogo Sabato 17 Dicembre alle ore 9,30 in via Cesare da Sesto 113 – Giardino Villa Zorn.

Un caro saluto,

Roberto Cenati

Episodio allarmante per la democrazia

Il Ministero della pubblica istruzione ha lanciato un concorso in 138 mila classi elementari, medie, e superiori, per scoprire i libri più letti dai ragazzi italiani.

La cosa che ci ha lasciati sconvolti è che tra i libri preferiti in dieci classi è stato segnalato il “Mein Kampf” di Adolf Hitler.

“La notizia non ha avuto molto rilievo. Ed è un peccato perché imporrebbe almeno una riflessione.

Continua a leggere

Esecrazione ANPI Provinciale di Milano per la profanazione del Sacrario del San Martino

L’ANPI Provinciale di Milano esprime la sua profonda esecrazione per la profanazione del Sacrario del San Martino, avvenuta qualche giorno fa, da parte del gruppo neonazista Do.ra.

Questa oltraggiosa e ignobile azione che si pone in aperto contrasto con i principi su cui si fonda la Costituzione Repubblicana nata dalla Resistenza, offende i combattenti e i caduti della battaglia del Monte San Martino, tra cui il colonnello Carlo Croce, insignito della Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria. La battaglia del San Martino, del novembre del 1943, alla quale parteciparono numerosi combattenti milanesi, costituisce uno dei primi e significativi esempi di opposizione all’occupazione nazifascista e viene ricordata come l’episodio che diede inizio alla lotta partigiana nel Nord Italia.

Continua a leggere

Appello per il 4 Dicembre

appello-per-il-4-dicembreAlle cittadine e ai cittadini raccomandiamo un voto consapevole e responsabile.

Non si tratta di una legge ordinaria ma della Costituzione, la nostra Carta fondamentale.

Modifiche sbagliate e destinate  a non funzionare, così come lo stravolgimento del sistema ideato dai Costituenti, avrebbero effetti imprevedibili e disastrosi per l’equilibrio dei poteri, per la rappresentanza, per l’esercizio della sovranità popolare, in sostanza per la stessa democrazia, che invece va  rafforzata, potenziata e difesa con la piena attuazione della Costituzione repubblicana.

Consapevolmente e responsabilmente, votate NO

  • Carlo Smuraglia, Presidente Nazionale ANPI;
  • Susanna Camusso, Segretaria Generale CGIL;
  • Francesca Chiavacci, Presidente Nazionale ARCI.

Roma, 1 Dicembre 2016