Strage di piazza della Loggia: la verità dopo 43 anni

Il 28 maggio 1974 in piazza della Loggia a Brescia una bomba piazzata in un cestino dei rifiuti esplode mentre è in corso una manifestazione antifascista contro l’escalation della violenza nera.
Dopo 43 anni la Corte di Cassazione rende finalmente giustizia alle otto vittime e ai centodue feriti di quella orribile strage.

Carlo Maria Maggi, ex capo del movimento neofascista Ordine Nuovo e Maurizio Tramonte, informatore dei servizi segreti vengono condannati all’ergastolo.

La condanna di Carlo Maria Maggi ha un valore storico: è la prima volta che un leader riconosciuto dell’eversione nera (era il capo della sezione veneta di Ordine Nuovo) viene condannato per strage. La condanna di Maurizio Tramonte, catturato in Portogallo all’indomani della sentenza della Cassazione, ha una valenza altrettanto simbolica, per il ruolo da lui svolto nei servizi segreti.

Continua a leggere

Lodovico Cesati ci ha lasciato

Vi comunico con profondo dolore la scomparsa di Lodovico Cesati, Internato Militare Italiano e partigiano. Classe 1922, di famiglia antifascista, quando è militare in Grecia tenta rischiosi rapporti con i partigiani greci. La minaccia di fucilazione si trasforma dopo l’8 settembre 1943 in deportazione in Germania. Anche nella nuova situazione il suo integro antifascismo ha modo di manifestarsi: rischia nuovamente la fucilazione nel carcere di Spandau. Riesce infine a fuggire e a partecipare alla liberazione di Berlino, dalla parte giusta.

Lodovico ha partecipato fino all’ultimo alla vita della sua sezione, Anpi Pratocentenaro, facendo parte della Presidenza onoraria della sezione. Il 15 ottobre scorso il Ministero della Difesa, per il 70° anniversario della Liberazione lo aveva insignito della “Medaglia della Liberazione”. L’ultima sua uscita pubblica è stata alla manifestazione al Monumento al Deportato al Parco Nord, in occasione del Giorno della Memoria 2017.

L’ANPI provinciale di Milano e la sezione ANPI Pratocentenaro si stringono, commossi, alla moglie e alla famiglia di Lodovico. Ai familiari un affettuoso abbraccio.

Roberto Cenati, Presidente ANPI Comitato Provinciale di Milano