Ferma condanna dell’ANPI Provinciale di Milano della gravissima aggressione neofascista

Ferma condanna dell’ANPI Provinciale di Milano

Siamo venuti a conoscenza di una gravissima aggressione neofascista avvenuta il 28 aprile scorso ai danni di due cittadine che, per tutelare il decoro della loro abitazione, avevano provveduto a staccare un manifesto abusivo incollato sulla facciata del loro edificio.

Tutta la zona di Città Studi era stata tappezzata, da giorni, di manifesti abusivi con i quali si preannunciava la manifestazione a ricordo di Ramelli e Pedenovi, trasformatasi anche quest’anno in una iniziativa di aperta apologia del fascismo.

Le due signore hanno dovuto ricorrere alle cure mediche per le conseguenze della violenta aggressione e hanno sporto regolare denuncia alla Questura di Milano.

Mentre esprimiamo la nostra profonda solidarietà alle nostre due concittadine vittime della violenza neofascista riteniamo che non sia più possibile che ogni anno, nella giornata del 29 aprile, si svolgano nella nostra città manifestazioni neofasciste che si contrappomgono ai principi della Costituzione repubblicana nata dalla Resistenza.

Chiediamo alle pubbliche autorità di fare tutto il possibile per individuare i responsabili di questo gravissimo fatto.

Milano, Città medaglia d’Oro della Resistenza, non può più tollerare questo preoccupante clima di intimidazione, di violenza, di offesa alla Memoria di chi ha sacrificato la sua giovane vita per la libertà di tutti noi.

Roberto Cenati – Presidente ANPI Provinciale di Milano

Mercoledì 23 maggio: Un concerto per TERESA,via Marsala 8 – ANPI Zona 1

31961232_2062996887280109_8502019394589687808_n

Mercoledì 23 maggio dalle ore 18.30 alla Casa delle Associazioni del Municipio 1, via marsala 8 (primo piano)

Un concerto per TERESA
Rosaria Di Stefano presenta il suo primo libro “Teresa Piscopo”

Migrazioni, guerre, prigionie ed esili, il fascismo, le lotte partigiane e la liberazione, gli anni ’60 e la strage di piazza Fontana. La grande storia compone il disegno entro cui si consuma la sorte civile e sociale del Paese,. In questo grande disegno agiscono i personaggi del romanzo con le loro piccole storie quotidiane. Piccole storie che parlano di ricchezza e povertà, generosità ed egoismi, matrimoni e separazioni, odi e amori, nascite e morti. La presentazione del libro sarà accompagnata da canti che ne seguiranno il percorso storico e geografico. I brani saranno eseguiti da Anna Caporusso, chitarra e voce e Gianni Venditti, chitarra e voce

https://www.facebook.com/events/456391231459948/