Grassi Erminio

Milano, nel 1924 – Milano, 26 aprile 1945.

Abitava con i genitori, in via Giorgi, sopra la cooperativa a Trenno. Lavorava in una fabbrica in città. Dapprima renitente alla leva della Repubblica di Salò, dopo l’arruolamento nell’esercito, a casa per una licenza, non ritorna in caserma e si aggrega alla 44° Brigata Matteotti. Vi milita per pochissimo tempo. Il 26 aprile 1945, condivide purtroppo la sorte di Eugenio Casiraghi e Luigi Dal Vecchio. Ferito al ventre da una raffica di mitragliatrice tedesca, riesce a nascondersi nell’erba. Aiutato dagli abitanti della cascina e da partigiani accorsi, viene portato all’ospedale di via Saint Bon dove però muore il giorno dopo.