L’Italia che si prepara al fascismo.. le radici del delitto Matteotti

ANPI Zona 9Novant’anni fa, per ordine di Mussolini, fu assassinato dalle squadracce fasciste il Deputato socialista Giacomo Matteotti.

L’ANPI zona 9 di Milano promuove un incontro con i cittadini per ricordare un protagonista dell’antifascismo italiano che lottò fino alla morte per i valori della libertà, uguaglianza, fratellanza e la pace, inquadrando storicamente la situazione politica e sociale che portò al suo assassinio.

L’incontro si terrà venerdì 7 Novembre alle ore 20,30 presso la Biblioteca Dergano-Bovisa in via Baldinucci 76.

Saranno presenti:

  • prof. Giovanni Scirocco, docente di storia contemporanea all’Università di Bergamo;
  • Laura Wronowska Fabbri, partigiana combattente nella brigata Matteotti di “Giustizia e Libertà”, nipote di Giacomo Matteotti;
  • gli artisti del “Teatro degli Orbitanti”, con la lettura di alcuni brani per ricordare il suo operato esempio di coraggio e moralità.

Le autorità impediscano il concerto neonazista nel sud-ovest milanese

Comunicato ANPI MilanoL’ANPI Provinciale di Milano esprime la sua profonda preoccupazione ed indignazione per l’annunciato concerto di gruppi neonazisti provenienti da diversi paesi europei che dovrebbe svolgersi il primo Novembre 2014 nel territorio del sud-ovest milanese, a pochi chilometri da Milano, Città Medaglia d’Oro della Resistenza.

Il raduno si pone in aperto contrasto con i principi sanciti dalla Costituzione repubblicana nata dalla Resistenza di cui ricorre il 70° anniversario e si contrappone nettamente, per la sua carica antisemita, xenofoba e razzista ai valori della nostra civiltà fondata sugli ideali nati con al rivoluzione inglese, francese e con il movimento operaio, che sono poi i valori della libertà, dell’uguaglianza, della solidarietà, della pace.

Mentre chiamiamo gli antifascisti e i cittadini alla massima vigilanza democratica, chiediamo alle Istituzioni e alle autorità competenti di intervenire per impedire che queste inaccettabili e provocatorie iniziative, che si pongono in aperta violazione della Costituzione e delle leggi vigenti, possano aver luogo nei Comuni della nostra Regione, il cui contributo per la liberazione del nostro Paese dal nazifascismo e per la costruzione di un mondo migliore è stato elevatissimo.

Milano, 27 Ottobre 2014

Roberto Cenati, Presidente ANPI Provinciale di Milano

Raffaele De Grada – 28 Ottobre 2014

RaffaeleDeGradaRaffaele De Grada: antifascista, partigiano combattente, critico d’arte, scrittore, animatore della vita culturale e politica di Milano.

Lo ricorderanno:

  • Antonio Pizzinato, Presidente onorario ANPI Lombardia;
  • Libero Traversa, Partigiano, già dirigente del PCI milanese;
  • Roberto Cenati, Presidente ANPI Provinciale di Milano.

Martedì 28 Ottobre alle ore 17,30 presso la sede dell’ANPI Provinciale di Milano in Via San Marco 49.

Parteciperanno:

  • Prof. Basilio Rizzo, Presidente del Consiglio Comunale di Milano;
  • Prof. Stefano Pizzi;
  • Prof. Andrea Del Guercio, dell’Accademia di Belle Arti di Brera.

 

Facciamo fiorire il Campo della Gloria! – 30 Ottobre 2014

InvitoCampoDellaGloriaCon questa lettera ci rivolgiamo ai ragazzi delle scuole che nella primavera scorsa, in occasione della festa della Liberazione hanno reso omaggio alle lapidi dei nostri Caduti rinnovando le corone di alloro.

E’ una bella tradizione che mantenendo viva la memoria di chi ha dato la vita per la libertà impegna le nuove generazioni in una rinnovata testimonianza.

Per le festività dei morti perché non riprendere il filo della memoria?

Esiste a Milano nel Cimitero Maggiore (a Musocco) un campo particolare, il campo 64, dove sono state riunite le salme dei caduti provenienti da vari punti dello stesso cimitero o dai cimiteri suburbani dellla periferia milanese. Lì sono sepolti Eugenio Curiel, i 15 di Piazzale Loreto  gli antifascisti e i partigiani fucilati al Campo Giuriati, i martiri di Via Tibaldi, i partigiani del San Martino, dell’Oltrepò Pavese e di Fossoli.

Continua a leggere »

Lascia un commento

Precisazione dell’ANPI di Milano riguardante la contromanifestazione di Sabato 18 Ottobre 2014

L’ ANPI Provinciale di Milano ha deciso di non promuovere nè di aderire ad alcuna contromanifestazione, per evitare pericolose contrapposizioni e tensioni in città, in concomitanza con la manifestazione nazionale della Lega di Sabato 18 Ottobre, che vedrà anche la partecipazione di Casa Pound,

Riteniamo, infatti, che il modo migliore per contrastare la deriva xenofoba e razzista sia quello di avviare una controffensiva sul piano ideale e culturale che si richiami ai valori e ai principi della nostra Carta Costituzionale, allo scopo di sensibilizzare la cittadinanza.

Roberto Cenati
Presidente ANPI Provinciale di Milano

Lascia un commento

Controffensiva ideale e culturale per sconfiggere xenofobia e razzismo

Controffensiva ideale e culturale per sconfiggere xenofobia e  razzismoIl problema dell’immigrazione in Italia, con lo sbarco di migliaia di profughi sulle coste del mar Mediterraneo sta assumendo aspetti di estrema drammaticità.

In questo contesto desta particolare preoccupazione l’atteggiamento assunto dalla Lega consistente nel recupero pieno di tutti i temi di impianto razzista che avevano caratterizzato il partito al tempo del congresso di Assago del 2002. In quell’occasione la Lega assunse tutti i tratti tipici di una formazione di estrema destra: dal rifiuto della “società multirazziale”, alla “difesa della cristianità minacciata dall’invasione extracomunitaria”. “La Padania”, in quel contesto, quasi diveniva “una cittadella assediata”, un “ridotto” entro cui arroccarsi. In compenso ai migranti si addebitava la responsabilità di ogni male, dalla crescita della criminalità al dilagare delle droghe, fino al diffondersi di malattie vecchie e nuove.

Continua a leggere »

“Dalla Resistenza alla cittadinanza attiva”

Programma Corso MantegazzaPercorsi storici e risposte educative dalla Shoah ai nuovi fascismi.

Diretto dal Prof. Raffaele Mantegazza

Il corso si rivolge a:

  • Educatori, insegnanti, assistenti sociali, psicologi;
  • Persone impegnate nel mondo scolastico, educativo, sanitario ed in contesti multiculturali;
  • Studenti e giovani studiosi che sono interessati alle tematiche trattate nel corso.

Obiettivi:

  • Ricostruire la storia della Shoah e della Resistenza antifascista e antinazista e e le vicende legate alla proliferazione di movimenti neonazisti e neofascisti in Europa con particolare attenzione alla diffuszione nel mondo giovanile.
  • Analizzare la specifiche declinazioni pedagogiche ed educative di tali eventi.
  • Fornire conoscenze storiche e strumenti pedagogici utili all’implementazione di percorsi educativi da rivolgersi ad adolescenti e giovani in contesti scolastici ed extra-scolastici.
  • Discutere e sperimentare strategie educative e dispositivi pedagogici per la formazione di personalità resistenti nei confronti del dominio e dell’annientamento.
  • Affinare le categorie di una pedagogia della resistenza nei confronti di ogni tipo di dominio.

Continua a leggere »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 47 follower