Intervento di Roberto Cenati nella ricorrenza del Settantesimo Anniversario dell’eccidio di piazzale Loreto – Milano 10 Agosto 2014

In una testimonianza raccolta nel settembre del 1997, su quella terribile mattina del 10 agosto 1944, così la partigiana Giannina Cècere Fabello che ci ha lasciato nel 2010, racconta: “Lavoravo in via Sammartini ed abitando in via Plinio mi recavo a piedi sul posto di lavoro passando da piazzale Loreto per viale Brianza. Vidi ad un certo momento dei camion fermarsi di fronte alla staccionata situata a lato di un’autorimessa in piazzale Loreto. Dei fascisti armati e in divisa scesero per primi dal camion, obbligando con i fucili spianati, parecchi uomini, giovani e non, a scendere anche loro e a  portarsi di fronte alla staccionata tutti in gruppo.

Questa operazione durò pochi minuti, poi una scarica di fucili si abbatté su di loro uccidendoli tutti. Cosa feci allora davanti a quei corpi senza vita non lo so – rabbia, disperazione, dolore e tanto odio per gli assassini, anche perché riconobbi tra quei poveri corpi un amico a noi caro, Tullio Galimberti. Come si può scordare tanta infamia, tanta crudeltà verso i nostri simili ?”

Milano non ha dimenticato quell’orribile eccidio. Piazzale Loreto è rimasto nel cuore, di tutti gli antifascisti, dei milanesi che mai dimenticheranno tanta barbara crudeltà.

Continua a leggere

Nella ricorrenza del 70° Anniversario dell’eccidio di piazzale Loreto del 10 agosto 1944,  si sono svolte due manifestazioni, promosse dal Comitato Permanente Antifascista per la difesa dell’ordine repubblicano che hanno visto la partecipazione delle Istituzioni, delle Associazioni Partigiane, dei Sindacati, dei familiari dei 15 Martiri.

Le iniziative  del mattino e della sera hanno visto la partecipazione convinta ed intensa di antifascisti e cittadini. Numerosi anche i Gonfaloni dei Comuni della Provincia.

E’ stato richiesto all’Amministrazione Comunale di Milano, per il 70° Anniversario della Liberazione, l’impegno per il restauro del Monumento dedicato ai 15 Martiri di Piazzale Loreto. Crediamo che questo sia un modo non formale per ricordare il sacrificio dei 15 Martiri.

Roberto Cenati

Intervento di Roberto Cenati a Pessano con Bornago – Domenica 9 Marzo 2014

Intervento di Roberto Cenati a Pessano con BornagoOggi siamo qui a ricordare il barbaro eccidio dei 7 Partigiani trucidati, a Pessano con Bornago, da un plotone composto da tedeschi e repubblichini su ordine del comando militare tedesco il 9 Marzo del 1945. La fucilazione avviene, come atto di rappresaglia, a seguito di un’azione compiuta l’8 marzo 1945, contro il comandante dell’organizzazione Speer di Pessano con Bornago, da parte di una Squadra di azione patriottica. La Sap faceva parte della 184a Brigata Garibaldi Falck di Sesto San Giovanni che era alla ricerca di armi. La notizia si diffonde rapidamente in tutto il paese, suscitando terrore nella previsione di una feroce rappresaglia nazifascista. Tutti gli uomini fino a cinquant’anni e i giovani fuggono quella sera da Pessano, nel timore di un rastrellamento generale. Cominciano gli interrogatori e le minacce contro i cittadini, nonostante l’intervento del parroco volto a scagionare la popolazione. Il 9 marzo 1945 alle ore 18,10 un camion, scortato da militari tedeschi e italiani, trasporta al comando tedesco, presso le scuole elementari, otto ostaggi, provenienti dal carcere di Monza. Alle 18,50 sette partigiani vengono fucilati sul posto dove era stato ferito l’ufficiale tedesco. Il giovane partigiano Carletto Vismara viene risparmiato solo per la sua giovane età. Si salva così da una atroce morte, ma lo si costringe ad assistere al compiersi dell’eccidio.

Continua a leggere

Relazione di Roberto Cenati al Comitato Provinciale – 25 Giugno 2013

comitato provinciale 25 giugno 2013

  • Un  mese fa ci lasciava Annunziata Cesani
  • La situazione internazionale
  • Elezioni amministrative 2013
  • La crisi recessiva
  • Il governo delle larghe intese e l’iniziativa sindacale
  • La riunione del G8 in Irlanda del Nord
  • La costruzione di un’Europa unita
  • Antifascismo
  • I progetti di revisione della Costituzione
  • I punti critici e di forte allarme
  • L’antifascismo a Milano
  • 70° anniversario dell’8 Settembre 1943

 

Intervento di Roberto Cenati – Resistenza e Costituzione – Domenica 2 Giugno 2013 Teatro San Babila

Intervento Cenati 2 Giugno 20132 giugno 1946: la vittoria della Repubblica

Il 2 Giugno segna una data di estrema importanza per il nostro Paese:la vittoria della Repubblica, frutto della lotta antifascista e della guerra di liberazione. E’ stata la conclusione coerente di una lotta che ha liberato l’Italia non solo dal fascismo, ma dalla monarchia, responsabile dell’avvento al potere del fascismo, delle leggi antisemite del 1938, dell’entrata in guerra dell’Italia e delle tragedie che hanno devastato il nostro Paese.

Fascismo e monarchia insieme avevano imposto la loro volontà al Paese ed insieme dovevano essere condannati. “La vittoria della repubblica – osservava un grande antifascista, Giorgio Amendola – ha rappresentato il miglior elemento di rottura della continuità dello stato italiano che si sia verificato nella crisi politica determinata dalla sconfitta della guerra fascista.

La caduta della monarchia ha eliminato un centro di riorganizzazione, che poteva con il suo prestigio coprire eventuali tentativi di ritorni reazionari” e, sottolineava acutamente Giorgio Amendola: “La lotta unitaria del popolo italiano è riuscita a stroncare efficacemente i tentativi reazionari, succedutisi nel secondo dopoguerra, anche perchè ha potuto svolgersi su un nuovo terreno, quello creato dalla Repubblica e dalla Costituzione, senza che potesse intervenire in campo, contro la democrazia, un’autorità costituita e sovrana come la monarchia”.
Continua a leggere

ANPI Zona 1 – 25 Aprile – Corteo e biciclettata

Biciclettata Zona 1Corteo e biciclettata per la deposizione delle corone ai caduti della Resistenza, della Guerra di Liberazione, antifascisti, vittime della deportazione nazifascista e vittime della violenza fascista presenti in Zona 1.

Giovedi’ 25 aprile 2013

con il seguente programma:

  • Ore 9 in Corso Garibaldi 75 concentramento del corteo
  • Ore 9.20 deposizione della prima corona nel cortile di Corso Garibaldi 75 in ricordo di COSTANTE SIGNORELLI.

Continua a leggere

Cerimonia nella ricorrenza del quarantesimo anniversario dell’uccisione di Antonio Marino,Guardia di Pubblica Sicurezza

Intervento di Roberto Cenati – Presidente ANPI Provinciale di Milano Venerdì 12 Aprile 2013 – Cerimonia nella ricorrenza del quarantesimo anniversario dell’uccisione di Antonio Marino,Guardia di Pubblica Sicurezza

Il 12 aprile 1973 in via Bellotti Antonio Marino, Guardia di Pubblica Sicurezza, appartenente alla seconda compagnia del III Celere, cadde colpito a morte da una delle tre bombe a mano del tipo SRCM scagliate contro le Forze dell’Ordine, nel corso di una manifestazione neofascista vietata dalla Questura di Milano.

Continua a leggere